SALDI – PROMOZIONI – SCONTI COMPLETAMENTE LIBERI

La ripresa della nostra economia sarà molto  complicata . E’ per questo che riteniamo importante che siano prese alcune decisioni rilevanti almeno fino alla fine di quest’anno . Innanzitutto, data la fortissima contrazione dei consumi, bisogna agire e celermente sia sull’offerta che sulla domanda di mercato A tal fine il primo punto è restituire potere di acquisto alle famiglie e contemporaneamente alleggerire con agevolazioni tutto ciò che attiene all’offerta di mercato attraverso finanziamenti, detassazioni ed altro ancora . Le decisioni e le norme sin qui decise vanno in questa direzione, ma necessitano di una forte accelerazione nei tempi di attuazione.

Ciò si può ottenere attraverso una forte responsabilizzazione del sistema bancario e finanziario, nonchè di una importante semplificazione delle pratiche burocratiche. Dall’altro lato questa manovra shock che vorremmo si realizzasse nel minor tempo possibile deve essere accompagnata da altre iniziative qualiquali: un azzeramento delle norme relative ai comportametni di vendita, cioè saldi,  promozioni  e sconti completamente liberalizzati e liberi. Questo per tutti i settori di mercato a partire dall’alimentazione sino ad arrivare ai beni quali:  elettrodomestici, auto e mobili senza ovviamente dimenticare i servizi quali quelli turistici, balneari ed altro. Insomma quello a cui bisogna puntare è da un lato alleggerire le spese dell’offerta dei beni e dei servizi di mercato e dall’altro aumentare al massimo le opportunità di acquisto.

Tutto ciò è da ascrivere ad una ipotesi molto  realistica di una forte diminuzione del potere di acquisto che potrebbe attestarsi a circa 1.600 euro medi annui a famiglia in meno, calo dovuto  non solo, ai mancati introiti della intermediazione di mercato ( commercianti, artigiani e professionisti), ma ad un notevole aumento della stessa disoccupazione e delle ore di cassa integrazione, nei settori produttivi colpiti dalla crisi- dichiara Rosario Trefiletti Presidente del Centro Consumatori Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *